Semina e impianto di cavoli: quando e come seminarli?

I cavoli di qualsiasi tipo vengono spesso acquistati come piantine in vaso pronte per essere piantate. Tuttavia, molti giardinieri fanno le proprie piantine in modo che possano piantare le proprie piantine, il che è anche più economico!

  • Vedi la scheda di presentazione dei vari cavoli

piantine di cavolo in scatole

Quando seminare i cavoli?

Dalla fine di febbraio e durante il mese di marzo potrete seminare il cavolo cappuccio e la verza che resistono meglio al freddo.

In aprile inizierai a seminare cavoli estivi e autunnali nelle regioni più calde e poi da maggio tutti i cavoli estivi e autunnali potranno essere seminati ovunque.

Fino alla fine di giugno seminerete i cavoli invernali.

Come seminare i cavoli?

Nella maggior parte dei casi, le piantine di cavolo vengono fatte sotto una cornice fredda o in una scatola in una serra fredda, il che consente di risparmiare tempo avviando la vegetazione prima, mentre il freddo infuria ancora all'esterno.

Essendo la semina al coperto, non si rischiano attacchi di lumache o eventi meteorologici devastanti (grandine, gelo, ecc.). Inoltre, sarai in grado di monitorare più facilmente l'emergenza e il progresso delle piantine.

Nella scatola mettere un letto di ghiaia sul fondo per facilitare il drenaggio in modo che i semi non marciscano a causa dell'umidità in eccesso. In cima, metterai una miscela composta da parti uguali di terriccio, compost ben decomposto, sabbia. Disperdere i semi non troppo densamente, tamponare e coprire con il substrato preparato più fine possibile, senza che i semi siano sepolti troppo in profondità (da 2 a 3 volte la loro dimensione). Spruzzare acqua per cospargere.

In una serra fredda, coprire la scatola con una lastra di vetro, lasciando uno spazio di ventilazione. Sotto una cornice fredda, lasciatela chiusa fino alla germinazione e poi, se ci sono pomeriggi molto soleggiati, potete aprirla un po '.

Tra pochi giorni i semi saranno germogliati. Dovrai deprimere dopo circa dieci giorni dall'emergenza per mantenere solo le piante più vigorose, ovviamente.

Quando le piante hanno da 4 a 5 foglie, puoi metterle a posto distanziandole di circa 60 cm. Attenzione, i cavoli occupano spazio, non metterli troppo vicini tra loro, soffriranno per svilupparsi a dovere.

trapiantare piante di cavolo

In generale, il cavolo trarrà più vantaggio dai nutrienti del terreno e sarà più produttivo se lo pianti alternando i suoi filari a quelli di fagioli, lattuga, pomodoro, piselli, cicoria, pastinaca, barbabietola. Tenere invece i cavoli lontani da altre Brassicacee (ravanello invernale, rapa, rucola), formaggi, porri, zucchine, finocchi, fragole.

Per prevenire il cavolo cappuccio, semina il trifoglio attorno alle file di cavolo.

I cavoli sono verdure molto golose che richiedono contributi significativi nel compost. Poiché queste piante sono quindi estenuanti sul terreno, pratica una rotazione delle colture di 4 anni prima di metterne altre nello stesso posto. Avranno successo dopo le colture di zucchine, Alliaceae, patate e sovescio (eccetto la senape che è una Brassicaceae).

E per favorire una produzione abbondante, guarda il tuo calendario lunare: la semina e il trapianto dovrebbero essere preferibilmente fatti in luna calante, un giorno "foglia" tranne che per cavolfiori e cavoli broccoli dove sceglierai un giorno "fiore".