Cos'è un gatto Calico?

Hai mai sentito parlare del gatto Calico? Probabilmente ne hai visto uno camminare per strada, dormire in un giardino tranquillo o guardare i passanti dal davanzale di una finestra, se non ne hai uno tu stesso. Il gatto Calico non è una razza di piccoli felini dalle zampe vellutate; è semplicemente un gatto con un vestito tricolore, bianco, arancione e marrone.

Da dove viene questo cappotto originale? Quali sono le sue origini? È vero che ci sono solo femmine Calico? Quali sono le leggende che circondano questo misterioso felino? Scopriamo insieme alcuni dei suoi segreti ...

Cos'è un gatto Calico?

Cos'è un gatto Calico?

Il Calico non è una razza di gatto, ma una variazione nel colore del mantello che si vede in diverse razze. Un gatto Calico è un gatto tricolore, quindi Calico è il nome dato al suo caratteristico mantello che ha macchie perfettamente distinte di colori bianco, rosso e marrone. Tuttavia, ogni gatto Calico ha i suoi modelli; questi sono unici, come le impronte digitali. È infatti impossibile trovare due gatti Calico con lo stesso mosaico di colori, anche all'interno dello stesso allevamento.

Quali sono le origini del caratteristico abito Calico?

Il mantello tricolore dei gatti Calico non è il fatto di una razza. Questa è una mutazione genetica che si verifica nel DNA dell'animale. Questa mutazione non soddisfa alcun criterio geografico o di razza; tutti i gatti possono essere colpiti, indipendentemente dalla razza, anche i gatti randagi.

Sebbene gli allevatori abbiano tentato di incrociare i gatti Calico, non è possibile prevedere l'aspetto dei gattini, poiché la colorazione dei capelli è completamente casuale.

Tutti i gatti Calico sono femmine?

Dovresti sapere che quasi il 99,9% dei gatti Calico sono femmine. Perché ? Il motivo è semplicemente genetico. Il colore particolare del loro mantello è legato al sesso dell'animale.

In ogni cellula di gatti ci sono 19 coppie di cromosomi, uno trasmesso dal padre, l'altro dalla madre all'interno di ogni coppia. Ogni cromosoma contiene alleli che permettono di determinare il colore del mantello, ma anche quello degli occhi o la taglia dell'animale.

Nei gatti, la femmina presenta i cromosomi sessuali XX, mentre i maschi hanno i cromosomi sessuali XY. Il mantello Calico è reso possibile quando uno dei due cromosomi X della femmina è inattivo. La stessa anomalia genetica è responsabile dei mantelli di tartaruga, anch'essi casuali e unici, derivanti da una simile mutazione imprevedibile.

Poiché quasi il 99,9% dei gatti Calico sono femmine, ciò significa che circa lo 0,01% di questi gatti vestiti in modo strano sono maschi. In realtà, ci sono solo 1 maschio Calico su 3000 gatti tricolori. Al contrario, solo 1 maschio su 10.000 Calico è fertile. La schiacciante proporzione di maschi Calico sterili, rispetto al loro numero molto ridotto, spiega in parte la grande predominanza delle femmine tricolori.

Inoltre, il sesso è spiegato dai colori e viceversa. Infatti, abbiamo detto che le femmine hanno cellule contenenti due cromosomi X. Tuttavia, il colore arancione dei gatti è possibile solo grazie a un gene situato nel cromosoma X. Il colore bianco proviene solo dal gene S, un autosoma che provoca la formazione di più o meno punti luminosi sul mantello. Inoltre, il fatto che un gatto abbia sul mantello sia il colore bianco che il colore marrone (o nero) è possibile solo per un animale con due cromosomi X. Tuttavia, il cromosoma X può essere trasmesso. dalla madre o dal padre, quest'ultimo con cromosomi XY.

Per dirla più semplicemente, le femmine hanno due cromosomi X, che consente loro di trasmettere i colori nero e arancione ai loro piccoli. I maschi, invece, hanno un solo cromosoma X; possono quindi trasmettere ai loro cuccioli sia il colore nero che il colore arancio, ma non entrambi. Il cromosoma Y non ha alcun effetto sul colore del mantello, serve solo a determinare il sesso di un gattino.

A questo pattern già molto complesso si aggiungono le caratteristiche dei geni. Il gene principale responsabile della colorazione del mantello dei gatti è il gene B. Questo gene può essere B, quindi dominante, cioè avrà una maggiore influenza, oppure b, quindi recessivo, che significa che è mascherato dal gene dominante. A titolo illustrativo, il gene B dà il colore nero e il gene b dà un colore cioccolato. L'espressione del gene B può essere influenzata dalla presenza di altri geni presenti su altri cromosomi. Il colore arancione, ad esempio, deriva dal gene O. Tuttavia, se il gene O (dominante) può influenzare B, il gene o (recessivo) non può modificarlo.

Quindi, per ottenere un gatto Calico, è importante che il gene dominante sia il determinante del colore arancione rispetto al colore nero e che il gene S, un cromosoma non sessuale, sia attivo nel determinare le macchie bianche.

È facile vedere quanto sia difficile ottenere un gatto Calico! I rarissimi maschi Calico sono quindi il risultato di una doppia mutazione genetica, che può spiegare la loro sterilità.

Il comportamento dei gatti Calico e le leggende che li circondano

Uno studio dell'Università della California-Davis ha scoperto che i gatti Calico sono più aggressivi e selvatici di altri, poiché tendono a graffiare più degli altri gatti. Tuttavia, è poco probabile che il colore di un mantello determini il comportamento di un gatto.

Poiché i gatti Calico sono relativamente rari e la loro nascita è casuale, ci sono molte leggende che circolano su di loro. I Calicos esistevano già nell'antico Egitto, essendo stati trovati diversi resti di questi animali tricolori. I poteri magici sono stati loro attribuiti per secoli e ai marinai giapponesi piaceva tenerne alcuni sulle loro barche; questi gatti erano noti per proteggere gli equipaggi durante le tempeste e cacciare gli spiriti maligni.

Una leggenda tibetana del XII secolo narra che un monastero accolse una femmina di Calico e i suoi gattini, vedendo il loro arrivo improvviso come un segno divino mentre i monaci attraversavano un periodo di crisi. A poco a poco, questi gatti tricolori hanno assunto un posto sempre più importante nella vita del monastero. I monaci vi vedevano simboli; bianco e nero incarnano Yin e Yang, le forze opposte che portano equilibrio. Per quanto riguarda il colore arancione, rappresenta la terra e la casa. Questo gatto e i suoi numerosi gattini erano considerati simboli di rinnovamento e unità.

Un'altra credenza irlandese, molto meno affascinante, dice che se strofini una verruca sulla coda di un gatto Calico a maggio, scomparirà quasi immediatamente.

Ancora oggi, i gatti Calico sono particolarmente apprezzati in Giappone. Sono infatti considerati veri portafortuna. Il loro soprannome "mi-ke" significa tripla pelliccia per il colore del loro mantello. Molti giapponesi ne hanno uno sotto il tetto, l'animale è sinonimo di buona fortuna. Famoso in tutto il mondo è il Maneki-Neko, il gatto con la zampa alzata in invito, ispirato al gatto Calico.