Cavoli, una varietà di verdure e molti antiossidanti

cavolo broccolo

I cavoli, che appartengono alla grande famiglia delle Bracicaceae, sono gli ortaggi essenziali per l'autunno e l'inverno , che storicamente ci giungono dall'Europa occidentale. Non solo ne esistono di tanti tipi, alcuni consumati crudi, altri cotti, ma in più sono di ineguagliabile ricchezza nutritiva.

Tutti i cavoli e diverse varietà

Cavolo broccolo ( Brassica oleracea var. Italica )

Alto da 50 a 70 cm, questo cavolo eretto forma dei capolini verdi che devono essere colti quando sono circa dieci centimetri, prima che fioriscano. È stato ampiamente consumato da quando la sua coltivazione è stata ampiamente ripresa negli anni '90.

  • Foglio di coltura del cavolo broccolo

cavoletti di Bruxelles

Cavolini di Bruxelles ( Brassica oleracea var. Gemmifera )

Vero "cavolo cappuccio" che raggiunge 1 m di altezza e che produce piccole mele sul fusto e nelle ascelle delle foglie che possono essere raccolte non appena hanno un diametro di 2,5-3 cm. Il passaggio di una piccola gelatina prima della raccolta la rende meno forte nel gusto.

  • Scheda della cultura del cavoletto di Bruxelles

cavolo cinese

Pe-tsai, cavolo cinese ( Brassica rapa var. Pekinensis ) e pak-choi, cavolo cinese ( Brassica pekinensis var. Chinensis ), sono i due grandi cavoli cinesi, che non hanno steli, sono molto teneri e di sapore abbastanza fine. Il primo sembra lattuga romana e il secondo sembra bietola.

  • Foglio di coltura del cavolo cinese

Cavolfiore ( Brassica oleracea var. Botrytis )

Questi sono i boccioli dei fiori che formano una grande testa bianco crema racchiusa tra le foglie. Le varietà ibride consentono di avere cavolfiori viola, rosa o addirittura gialli.

  • Foglio di coltura di cavolfiore

Kale chiamato anche cavolo rapa o cavolo nero ( Brassica oleracea var. Acephala )

Le sue foglie sono molto arricciate ai bordi, molto frastagliate, grandi e allungate, ma non formano una mela. Si mangia come cavolo cappuccio.

  • Foglio di cultura del cavolo

cavolo

Cavolo cappuccio ( Brassica oleracea var. Capitata )

Si presenta come una rosetta di foglie lisce alte da 30 a 60 cm e larghe, formando una mela con foglie strette. Possiamo distinguere il cavolo verza, che si riconosce per le foglie sbalzate o rigate, e il cavolo cappuccio, che è il cavolo cappuccio ideale per la preparazione dei crauti. Il cavolo rosso è una specie di cavolo cappuccio con foglie violacee.

Cavolo rapa ( Brassica oleracea var. Gongylodes )

Il suo gambo ha la forma di una sfera gonfia che è la parte che mangiamo, delle dimensioni di una grande arancia. Il suo colore può variare dal bianco al viola passando per il verde chiaro. A lungo ignorato a causa dell'immagine negativa lasciata dalla seconda guerra mondiale, è stato aggiornato per il suo gusto tra cavolo e rapa con un leggero profumo di nocciola.

  • Foglio di coltura del cavolo rapa

Cavolo cappuccio romanesco

Cavolo cappuccio romanesco ( Brassica oleracea var. Botrytis )

Si tratta di una forma di cavolfiore con più mela gialla, che ci arriva dall'Italia e che la Francia ha adottato già da qualche anno, forse per il suo "design" così originale con le sue torrette. conico piramidale.

  • Foglia di cavolo cappuccio romanesco

Cavolo cappuccio Rutabaga ( Brassica napus var. Napobrassica )

A differenza degli altri cavoli, la rutabaga forma una grande radice tuberosa che assomiglia a una grande rapa gialla. Viene anche chiamato cavolo rapa.

I benefici nutrizionali e benefici per la salute del cavolo

Gli antiossidanti che proteggono le nostre cellule dall'invecchiamento sono particolarmente ricercati nel nostro cibo, e il cavolo contiene molto (flavonoidi, carotenoidi ...), soprattutto cavoli broccoli.

Il calcio contenuto nel cavolo cappuccio, in particolare nel cavolo cinese, in una proporzione interessante ha anche il vantaggio di essere assimilato dall'organismo molto meglio del calcio contenuto nei latticini.

cavolo rapa

La vitamina K1 offerta dai cavoli è tanto più interessante perché, combinata con il calcio, aiuta a prevenire l'osteoporosi.

Il cavolo cappuccio vitamina B9 è essenziale e prezioso per il corretto sviluppo del feto: cavolfiori, broccoli, cavoletti di Bruxelles vengono consumati dalle donne in gravidanza!

Il cavolo cappuccio contiene anche fibre , interessanti per il transito intestinale, proteine, in quantità significative, potassio ...

Infine il cavolo cappuccio previene i disturbi della vista e l'osteoporosi soprattutto dovuti all'invecchiamento, regola il transito intestinale ma è anche un ortaggio "detox" che avrebbe un ruolo nella prevenzione di alcuni tumori. È quindi molto salutare consumarli regolarmente, cotti, preferibilmente al vapore, o meglio ancora, crudi.

Suggerimenti per cucinare il cavolo

Temi i forti odori di cottura del cavolo a causa dello zolfo che contiene, difficoltà a digerirlo o gas. Ecco come evitare tutto ciò.

Cavolo cappuccio, una star in cucina!  di Delphine Pocard

Contrariamente a quanto spesso si è detto, è meglio evitare di sbollentare il cavolo perché più a lungo cuoce, più zolfo viene rilasciato, provocando la perdita, inoltre, di molti nutrienti e vitamine. Preferite una cottura a vapore in padella non troppo lunga in modo che i cavoli siano "al dente".

Per la cottura in acqua, non dimenticare di mettere un bel pizzico di bicarbonato di sodio nell'acqua di cottura per rendere il cavolo più digeribile, per evitare gas e per velocizzare la cottura!

E per sorprendere i vostri ospiti, far amare il cavolo dai vostri bambini o semplicemente variare le idee per cucinarlo crudo o cotto potete fare riferimento al libro "Cavolo cappuccio, protagonista in cucina!" di Delphine Pocard che propone 60 gustose ricette! ( Edizioni Terre Vivante - 23 settembre 2016 - € 12 ). Accompagnato da un'introduzione scritta da Angélique Houlbert, dietista-nutrizionista, saprai tutto del cavolo cappuccio e ti convincerai dei meriti di coltivarlo in giardino!