Allergie nei cani: quali? Come rilevarli?

Le allergie sono un disturbo abbastanza comune nei cani. Per quanto riguarda l'uomo, possono essere più o meno gravi e avere cause molto diverse: polline, acari, cibo ... Quali sono gli allergeni più comuni e come riconoscere una reazione allergica? Come reagire in caso di crisi e limitare il loro verificarsi? Scopri le principali forme di allergie nei cani.

Allergie nei cani: quali? Come rilevarli?

Cos'è un'allergia?

Un'allergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario agli agenti allergenici: dopo una o più sensibilizzazioni, l'organismo invia una "risposta" ogni volta che viene a contatto con l'allergene in questione. Questa risposta sproporzionata può quindi portare a vari sintomi, spesso cutanei nei cani (arrossamento, prurito, gonfiore) ma sono possibili anche problemi digestivi e respiratori.

Le allergie possono evolversi, apparire e scomparire senza alcuna causa diretta apparente durante la vita di un cane; è una sensibilità individuale che può essere attivata in ritardo. Ma in generale, i primi sintomi compaiono tra 6 mesi e 2 anni.

Quali sono i sintomi?

I sintomi allergici più comuni nei cani sono cutanei: l'animale sente il bisogno di grattarsi, mordersi e leccarsi. In concreto si osservano arrossamenti dell'epidermide più o meno localizzati, depilazioni, desquamazioni, gonfiori della pelle dove è venuta a contatto con sostanze allergeniche. Ma la reazione può anche essere generalizzata, soprattutto quando nel cibo è presente un allergene.

Queste reazioni in relazione all'apparato digerente possono scatenare diarrea, vomito e manifestazioni infiammatorie come arrossamento degli occhi e prurito più o meno esteso. La presenza ripetuta di questi sintomi richiede una consultazione veterinaria per assicurarsi che altre malattie non siano la causa. Una volta che l'allergene è stato diagnosticato, può essere messo in atto un trattamento appropriato così come alcune precauzioni nei confronti dell'allergene responsabile.

Allergia al cibo

Questo tipo di allergia è comune, a causa della sensibilizzazione del corpo agli allergeni presenti negli alimenti. Questi possono essere difficili da individuare, ma spesso provengono dalle proteine ​​di alcune carni e cereali. Manzo, pollo, pesce, frutti di mare e grano (glutine) sono solo alcuni esempi.

Questi allergeni alimentari di solito innescano disturbi digestivi e cutanei fino a quando non vengono eliminati dalla dieta e nei casi più gravi può verificarsi shock anafilattico con gonfiore improvviso, vomito acuto, gengive pallide, uno stato di shock che richiede una consultazione veterinaria urgente.

Dermatite allergica (atopia)

Questa allergia molto comune è dovuta a una reazione alla saliva delle pulci nel caso della DAPP (allergia alla dermatite da punture di pulci). Questa è una condizione specifica che può essere prevenuta solo con un trattamento antiparassitario seguito e adattato, perché un singolo morso è sufficiente per provocare reazioni spesso significative. L'atopia, da parte sua, è una predisposizione allergica a uno o più allergeni presenti nell'ambiente, innescata principalmente dalla via respiratoria. Gli allergeni coinvolti sono, ad esempio, alcuni pollini, acari domestici contenuti nella polvere, squame della pelle umana (micro-forfora di pelle morta), ecc. Qualunque sia la causa, la dermatite è una reazione simile alla pelle con eruzioni cutanee, desquamazione e leccate intense.

Contatta allergia

A rigor di termini, non è un'allergia perché si manifesta in via eccezionale, a causa di una puntuale reazione abusiva a una sostanza per contatto diretto o per inalazione: prodotti per la casa, pigmenti di determinati giocattoli o accessori, particelle di cemento , plastica ... Queste "false" allergie difficilmente possono essere prevenute perché hanno cause impreviste.

Attenzione alle punture di insetti!

Oltre ai morsi delle pulci responsabili della DAPP, altri insetti possono innescare gravi reazioni allergiche attraverso la loro puntura: api, vespe, mosche che mordono ... Se osservi una reazione infiammatoria nel tuo cane, inizia rimuovendo con cura il pungiglione. le pinzette se è bloccato nell'epidermide.

Pulisci e disinfetta l'area interessata e dai al veterinario gli antistaminici prescritti se ne hai. Applicare un po 'di aceto per sgonfiare e calmare il prurito. Se noti un gonfiore anormale e una condizione generale modificata, specialmente se il morso è vicino alle vie respiratorie, consulta immediatamente!

Trattamento delle allergie ai cani

Il trattamento delle allergie può essere complicato se il cane è sensibile a diversi allergeni. È fondamentale prima di tutto agire sugli allergeni controllabili: pulci, cibo, acari ... Non c'è segreto, vanno poi eliminati dall'ambiente con i mezzi necessari. : pulizia quotidiana della casa, uso di spray antiacaro, bagni regolari, lavaggi frequenti degli effetti personali del cane, trattamento anti-pulci, cambio di cibo, particolare attenzione a tutti gli alimenti e alla loro composizione. Parla ai tuoi ospiti delle allergie alimentari del tuo animale domestico per evitare incidenti. Un trattamento antistaminico di base può essere prescritto dal veterinario così come farmaci antinfiammatori (cortisone) da utilizzare in caso di attacco per alleviare i sintomi.