Agrimonia, astringente e antidiarroico: benefici e vantaggio per la salute

L'agrimonia è un bioindicatore vegetale di un terreno ricco di azoto, che si trova comunemente in luoghi ombreggiati, ai margini dei boschi, lungo siepi e sentieri. Questa pianta erbacea perenne della famiglia delle Rosacee ha molti nomi vernacolari: Agrimony, Agrimony, erba eupatoria, erba eupatoria, Eupatory dei Greci o degli antichi, Erba di San Guglielmo, tè della foresta (ha sostituito il tè come piacevole bevanda aromatica!) ...

Agrimony (Agrimonia eupatoria) astringente e antidiarroica

Agrimonia, astringente e antidiarroica

L'Agrimonia eupatoria è una pianta officinale che può misurare dai 60 agli 80 cm. Dal suo ceppo rizomatoso si sviluppa un fusto peloso, spesso, leggermente rossastro, portante foglie pelose, di colore verde biancastro sul rovescio, lunghe una ventina di centimetri, suddivise in segmenti dentati. I fiori gialli a 5 petali compaiono da giugno a settembre e formano un grappolo eretto. Sono seguiti da frutti con uncini che si impigliano nel pelo degli animali, contribuendo così alla dispersione dei semi.

Le parti aeree dell'Agrimonia eupatoria contengono flavonoidi antinfiammatori (compresa la luteolina) e tannini (soprattutto catechine). Hanno un effetto astringente e antibatterico rendendo la pianta molto efficace contro la diarrea che accompagna i disturbi digestivi.

L'agrimonia non si semina in giardino, in genere cresce spontanea in terreni incolti piuttosto all'ombra, ma se ce l'avete nel vostro giardino va ridotta a marzo a 10 cm. Attira gli insetti foraggeri e ausiliari.

Le virtù medicinali dell'agrimonia

Sono le foglie e le sommità fiorite che vengono utilizzate in erboristeria, in particolare per le loro proprietà antidiarroiche ma anche per abbassare i livelli di zucchero nel sangue nei diabetici e stimolare le funzioni digestive.

Anticamente utilizzata contro la cataratta, l'agrimonia è oggi principalmente un rimedio contro le affezioni della bocca e della gola come mal di gola, angina, faringite di chi parla o di cantori.

Il suo alto contenuto di tannini che lo rendono astringente gli ha permesso da tempo di combattere la tosse con sangue, nonché le emorroidi, gambe pesanti dovute a insufficienza venosa.

L'agrimonia sarebbe anche usata per alleviare l'infiammazione della pelle e delle mucose.

L'agrimonia può essere acquistata in farmacia o in erboristeria, ma quando è secca perde quasi tutti i suoi principi attivi. Viene presentato e utilizzato in diversi modi:

  • in infusione: da 10 a 30 g di foglie di agrimonia / 1 litro di acqua (da 3 a 4 tazze al massimo / giorno) da infondere 10 minuti e dolcificare con miele,
  • in decotto: circa 100 g di foglie di agrimonia / 1 litro d'acqua, da bollire fino a ridurlo a un terzo: da usare come impiastro, gargarismi e collutori.

Conoscere l'agrimonia

L'agrimonia era una volta usata per tingere i tessuti in giallo ocra, dal suo decotto.

L'agrimonia fragrante ( Agrimonia procera ) o agrimonia alta è un'altra specie, di dimensioni maggiori, che si riconosce dal sottile odore che emanano le sue foglie quando sono sgualcite poiché contiene un olio essenziale.

L'uso delle piante per la guarigione deve essere fatto chiedendo prima il consiglio di un medico, farmacista o erborista. Le donne incinte, le persone con malattie croniche e gravi o che assumono farmaci, dovrebbero consultare un medico prima dell'automedicazione che può causare effetti collaterali, comprese le interazioni farmacologiche.