Come faccio a sapere se il mio gatto è incinta? Controlla la gravidanza

Pensi che il tuo gatto sia in attesa di cuccioli: come esserne sicuro e quali sono i punti da controllare durante la gestazione? Perché tutto vada bene, è necessario adattare la dieta della futura mamma e offrirle alcuni elementi essenziali di comfort. Inoltre, la sua salute sarà monitorata durante tutta la gestazione, soprattutto attraverso regolari visite di controllo dal veterinario.

Come faccio a sapere se il mio gatto è incinta?  Controlla la gravidanza

Il mio gatto aspetta dei bambini?

I segni di gestazione nel gatto sono più o meno evidenti; all'inizio, possiamo già vedere un cambiamento nel comportamento. In effetti, la gatta incinta è generalmente più tenera del solito e cerca il contatto del suo padrone.

Tuttavia, questo segno non è sempre ovvio, soprattutto se il tuo gatto ha comunque un temperamento tenero. Si può quindi prestare attenzione ad altri atteggiamenti caratteristici che sorgono più tardi durante la gravidanza, come la ricerca di isolamento e tranquillità. La futura mamma inizierà quindi a creare un "nido" spesso in un luogo remoto della casa e fuori dalla vista (armadi ...).

Un altro segno inconfondibile è l'insorgenza di nausea e talvolta un calo dell'appetito o addirittura il rifiuto del cibo. Oltre a questi cambiamenti nel comportamento, i cambiamenti del corpo indicano che la gatta è incinta: le sue mammelle cresceranno, la sua schiena si allargherà e potrai vedere il bacino e la pancia allargarsi. Questi cambiamenti sono generalmente visibili dalla quarta settimana dopo la riproduzione. Entro la sesta settimana, lo stomaco e le mammelle si saranno indurite. In tutto, la gestazione durerà tra i 64 ei 69 giorni, o in media nove settimane fino al parto.

Controllo veterinario della gravidanza

Dalla quinta settimana di gestazione, è possibile confermare dal veterinario che il gatto sta portando piccoli. Eseguirà un'ecografia per verificare la presenza di feti e il loro numero. Una palpazione dell'addome da parte del medico funziona anche per rilevare la gestazione. Alla sesta settimana e non prima, il follow-up può essere integrato da una radiografia che permette di monitorare lo sviluppo dei cuccioli. Questo passaggio non deve essere eseguito prima poiché i raggi utilizzati possono interrompere la crescita del feto. In questo momento possiamo contare i bambini in modo più preciso, grazie alla calcificazione delle ossa che li rende visibili alla radio.

Nutrire la gatta incinta

Dall'inizio della gestazione, i bisogni nutrizionali del gatto aumentano nella preparazione all'allattamento. Il cambio di dieta deve quindi essere effettuato precocemente con alimenti adatti alle gatte gravide. Il veterinario sarà in grado di parlarti di una serie di crocchette ad alta energia. È anche possibile nutrire gattini ricchi di sostanze nutritive dalla quarta settimana. Il cambiamento dovrebbe essere fatto gradualmente per evitare problemi digestivi e le razioni dovrebbero essere aumentate nel tempo. Lascia un accesso costante alle crocchette, poiché la gatta mangerà in quantità minori e più spesso man mano che i cuccioli diventano più grandi. Ecco perché è fondamentale dare cibo a volontà.

Il comfort della gatta incinta

La gatta incinta ha bisogno di tranquillità per prepararsi a partorire serenamente. Mentre questo si avvicina, cercherà l'isolamento ed è tempo di scegliere il luogo in cui può preparare il suo nido. È quindi possibile installare una cassetta per il trasporto senza sportello, una cassetta aperta su un lato o anche una lettiera chiusa acquistata nuova per l'occasione. Assicurati che la gabbia sia pulita e abbia una superficie liscia in modo che i gattini non si feriscano.

Dovrai anche assicurarti che il nido sia protetto dalle correnti d'aria e lontano dai luoghi in cui passa la casa. Metti un panno morbido e facilmente lavabile all'interno della cassa e pezzi di giornale o carta assorbente in modo che il gatto possa preparare il suo nido come meglio crede. Nonostante tutte queste precauzioni, se mai decide di fare il nido altrove, è meglio lasciarla fare per non causare stress. Metti acqua e cibo nelle vicinanze.

Deworming della gatta incinta

Quest'ultimo punto è cruciale perché i parassiti intestinali si trasmettono facilmente dalla madre alla prole attraverso l'utero. Inoltre, possono essere pericolosi nella donna incinta perché possono portare a determinate complicazioni. Si consiglia quindi di sverminare all'inizio della gravidanza. Allo stesso modo, la presenza di parassiti esterni come pulci e zecche deve essere attentamente monitorata perché possono trasmettere vermi e malattie: chiedi consiglio al tuo veterinario per predisporre un trattamento antiparassitario adeguato che non presenti alcun pericolo per i più piccoli.